Katie Mitchell


Katie Mitchell ha diretto oltre 100 produzioni in una carriera che dura da 30 anni.
Nel Regno Unito ha diretto 9 produzioni per la Royal Shakespeare Company, 19 per il National Theatre e 12 per The Royal Court - ed è stata direttore associato in tutte e tre le organizzazioni.
Ha curato le regia di opera anche per la English National Opera, la Glyndebourne Opera, la Welsh National Opera e la Royal Opera House. Dal 2008 ha diviso il suo tempo tra il lavoro nel Regno Unito e in Europa continentale in paesi come Germania, Francia, Olanda e Scandinavia. Attualmente è regista residente allo Schaubuhne (Berlino), al Deutsches Schauspielhaus (Amburgo) e ha appena terminato una residenza di sette anni al Festival di Aix-en-Provence (Francia). Nel 2015 il Teatro Stadsschouwburg di Amsterdam ha ospitato una retrospettiva del suo lavoro, presentando 8 produzioni da tutta Europa.
In Italia ha diretto una volta al Piccolo Teatro di Milano, oltre a dirigere due opere italiane, Lucia di Lammermoore (Royal Opera House, Londra) e Al gran sole carico d'amore (Festival di Salisburgo) di Luigi Nono.
I suoi numerosi premi nel Regno Unito includono 2 Time Out Awards (1990 e 1991), The Evening Standard Best Director Award (1996) e un Tonic Award per le sue rappresentazioni della donna e la crescita del talento femminile (2018). I suoi premi in Europa includono 3 premi Theatertreffen (Germania) nel 2008 e 2009, un Obie Award (USA) nel 2009, 2 Golden Mask Awards (Russia) nel 2011 e 2019, lo Stanislavsky Internation Prize (Russia) nel 2014, The New Theatrical Realities, Europe Prize nel 2014, The Reumert Best Production (Danimarca) nel 2012, The Nestroy Best Director Prize (Austria) nel 2013 e Miglior regista per il 2019 agli International Opera Awards.
È stata premiata con l'Ordine dell'Impero Britannico (OBE) 2009 e la Medaglia del Presidente della British Academy nel 2017 per i suoi servizi al teatro.
Attualmente è professoressa di regia teatrale alla Royal Holloway University, dove insegna in un corso di regia. I suoi altri ruoli accademici includono Visiting Professor of Opera presso l'Università di Oxford nel 2017, Visiting Fellow presso Central St Martin's 2016-2018 e Honorary Fellow presso Rose Bruford College, 2014. Attualmente è Cultural Fellow presso Kings College, Londra, e da questo In autunno sarà la TORCH Visiting Fellow in Theatre all'Università di Oxford.
Nel 2009 ha pubblicato per Routledge il suo manuale sulla regia, The Director's Craft e attualmente sta revisionando questo libro e scrivendo un secondo libro sulla regia teatrale anche per Routledge.
Le sue regie sono state considerate divisive e controverse da critica e pubblico, The Indipendent ha definito i suoi allestimenti "teatro d'autore" e The Guardian l'ha incoronata "la più grande regista teatrale britannica vivente".