EXTRACURRICULARI / SERALI E OPEN CLASS / IN PRESENZA

EX-TRA 2021-22

Per un teatro radicale (in presenza)

Masterclass di teatro partecipato

EXTRACURRICULARI / SERALI E OPEN CLASS / IN PRESENZA

EX-TRA 2021-22

Per un teatro radicale (in presenza)

Masterclass di teatro partecipato

Per un teatro radicale (in presenza)

Imparare a imparare come si fa teatro

Il carattere nobilmente classico del teatro sociale sta nel rapporto stretto e cruciale tra la forza della parola e il potere espressivo del corpo. Parole e corpo uniti dallo stesso ritmo. Nel corso si insegnerà come dare corpo alla parola e come dare parola al corpo. E come usare questo metodo quando si recita, si scrive, si dirige o si insegna teatro. Non si può insegnare teatro se non si sa fare teatro, questo è certo, ma è altrettanto vero che, anche se sai fare teatro, non puoi insegnarlo se non sai come s’insegna. Per questo di nuovo l’introduzione. In questo corso s’impara a imparare come si fa teatro.

date: 5 - 26 febbraio 2022

160 €

L'ammissione è a costo zero.
Il costo è di € 160
:
il pagamento si effettua tramite MAV o carta di credito contestualmente all'iscrizione (clicca per ulteriori informazioni: Modalità di pagamento).
Il nostro Ente non ha l'obbligo di emettere fatture: in caso si prega di farne richiesta al momento del pagamento e in ogni caso non oltre il termine del mese in cui questo viene effettuato.

Scadenza 10 gennaio 2022 - procedura esclusivamente on line

Per iscriversi all'ammissione:
cliccare il link indicato (barra arancione), allegando CV (non solo relativo ad eventuali esperienze teatrali, ma generale), completo di foto tessera, in PDF + breve lettera motivazionale in PDF (si vedano indicazioni a seguire alla voce MODALITA' DI AMMISSIONE.
La comunicazione dell'esito dell'ammissione avviene tramite email il 13 gennaio 2022 circa.

Valutazione della documentazione presentata

L'ammissione avviene sulla base della documentazione presentata:
valutazione del CV + valutazione della lettera motivazionale + verifica ordine di arrivo dell'iscrizione all'ammissione completa e correttamente caricata. Nella lettera motivazionale devono essere descritti prevalentemente i propri obiettivi formativi: cosa ci prefigge di imparare e perché.
Si consiglia perciò di leggere almeno uno dei tre libri pubblicati da Mimmo Sorrentino, il conduttore del corso. Vi daranno l’opportunità di avere un’idea più precisa del corso e ai selezionatori di comprendere meglio le ragioni per cui sottoponete la vostra candidatura.
Teatro Partecipato, edito da Titivillus, post-fazione Oliviero Ponte Di Pino, (2009;)
Teatro in alta sicurezza, edito da Titivillus, con interventi di Nando Dalla Chiesa, Massimo Recalcati, Oliviero Ponte di Pino e Bruno Oliviero (2019);
Che tutto sia bene, Manni editore, prefazione Massimo Recalcati (2021).

Comunicazione ammessi: dal 13 gennaio 2022 (email) /
Scadenza iscrizione corso per gli ammessi: 17 gennaio 2022 (procedura esclusivamente on line)

Per iscriversi al corso:
effettuare l'iscrizione on line + il pagamento del corso, seguendo le istruzioni che si ricevono via email nella comunicazione di avvenuta ammissione.
E' previsto immediato subentro della lista d'attesa in caso di rinuncia o di non iscrizione entro i termini.

Frequenza: Obbligatoria

Si rilascia attestato di frequenza.
Assenze: è necessario non avere superato il 25% del monte ore per ricevere l'attestato.

Non è possibile recuperare in alcun modo le assenze fatte
, né come monte ore, né come contenuti. Si sconsiglia quindi l'iscrizione al corso se si sa di non poterlo frequentare nella sua interezza, lasciando il posto a chi invece è in grado di garantire la propria presenza a tutte le lezioni.

Si richiede la massima puntualità.
In caso di ritardo, per tutelare il lavoro in corso e gli allievi presenti, è facoltà del docente permettere l'accesso in sala subito o eventualmente alla prima pausa utile, ma non la partecipazione attiva alla lezione.

E' richiesta la completa disponibilità a preparare
tra una lezione e l'altra quanto eventualmente assegnato dal docente.

Descrizione

Nell’aula accadrà che ognuno dei partecipanti comprenderà, attraverso la pratica del teatro sociale, che le proprie ansie, gioie, lutti, speranze, necessità, limiti, spinte in avanti, passi indietro non appartengono soltanto a lui, ma, anche se per ognuno in modo diverso, a tutti e ciò lo farà sentire meno solo, il che vale a dire più umano. E che è questa la finalità, la necessità che spinge gli uomini a fare e vedere teatro, sentirsi meno soli, vale a dire più umani.

Obiettivi

Imparare a scrivere e a far scrivere poesie\ Come trasformare un testo poetico in un’azione teatrale\ Come impostare una regia in spazi non teatrali\ Tecniche di recitazione su come lasciarsi attraversare da un personaggio\ come insegnare a recitare a professionisti, studenti e gente comune liberi dall’ansia di prestazione\ Come si struttura un’intervista per la scrittura di un testo teatrale\ Nozioni di meta comunicazione, lettura e gestione dei gruppi\ Come leggere e adattare un testo già esistente per il teatro.

Struttura e lezione

Il corso sarà sostanzialmente pratico. Mimmo Sorrentino considererà la Classe come un gruppo a cui proporrà alcuni degli esercizi che svolge con professionisti del teatro e soprattutto in contesti non teatrali (scuole, comunità, carceri, ospedali, gruppi specifici – alpini, vigili del fuoco- medici-gruppi sportivi). Con la Classe costruirà un testo e parte di esso sarà trasformato in azioni sceniche.

Risultati previsti

I partecipanti impareranno a utilizzare le tecniche apprese sia nel proprio percorso artistico e sia come strumenti per far praticare teatro a chi teatrante non è.

Acquisizione di abilità artistiche e creative

I partecipanti acquisiranno la capacità di trasformare le proprie capacità di ascolto, di visione del mondo che li circonda e ad attualizzare la memoria del proprio vissuto in azioni artistiche e creative.

Risoluzione di problemi/blocchi artistici o creativi

I partecipanti avranno modo di sperimentare l’uscita dalla circolarità del discorso su di sé che rende sterile e prestazionale la propria azione scenica. Che il teatro non è fatto per offrire spazio al proprio narcisismo, ma al contrario è uno strumento per gettarsi con generosità del mondo. E non è nemmeno uno spazio di ricreazione, di una generica attività culturale per persone in difficoltà, ma il contrario. La rappresentazione teatrale non allontana dalla vita, non è un velo, una maschera sulla vita, ma mostra l’accadere della vita in tutte le sue pieghe.

Il docente

Mimmo Sorrentino è considerato uno dei maggiori esperti di teatro sociale italiano. Insegna teatro partecipato alla Paolo Grassi e in master post laurea in diverse università italiane. I suoi spettacoli di teatro sociale hanno trovato spazio nei cartelloni dei teatri Stabili e nei più importanti festival nazionali.

DSCF0001 ph Marina Alessi web